“Io dentro gli spari”: un bambino, due vite e la mafia

“Io dentro gli spari” si snoda attraverso due voci. Quella di Santino, cresciuto in un paesino siciliano, in un ambiente intriso di cultura mafiosa, e quella di Lucio, che ha quasi 12 anni, vive a Livorno ed è un ragazzino troppo sveglio per la sua età.  Inevitabilmente le due voci si intrecciano e si fondono nel tessere le trame di una storia violenta e dolorosa che, purtroppo, è una tra tante simili e che è importante raccontare.

Un’isola lontana da disegnare

Lola non ha ricordi dell’isola su cui è nata. Quando la maestra dà alla sua classe il compito di disegnare il proprio paese di origine, è l’inizio di un giro di interviste e di un affresco collettivo dalla dirompente vitalità.