Come i fili di un tessuto

Il giorno della memoria raccontato ai miei nipoti - Lia Levi

Di solito non trovate nei miei post libri di divulgazione, perché mi interessa di più la narrativa. Un’eccezione, questo spuntino di lettura ispirato alla Giornata della Memoria.

Lia Levi scrive una sorta di lettera a puntate a nipoti (e lettori, e studenti che spesso l’autrice ha incontrato nelle scuole) sia ipotetici sia in carne e ossa, seguendo il filo della propria storia personale nel suo intrecciarsi alla storia italiana ed europea.

È una lettera a tratti – e giustamente – dura, che scandaglia anche responsabilità e forme di negazione collettiva del nostro paese. Si articola come una serie di risposte a domande poste da quei ‘nipoti’ , domande a volte un po’scomode.

Ci commuove nel raccontare l’esperienza e lo sguardo di una ragazzina cresciuta nell’Italia delle leggi razziali e scampata per un pelo alla deportazione.

Ci inquieta discutendo di negazionismo e naziskin con lucidità e passione. Soprattutto, dialoga con i giovanissimi di oggi, riconoscendo loro una grande responsabilità:quella di rimanere sensibili, di saper riconoscere il male, non essere indifferenti. Perché la memoria, come i fili di un tessuto, non si interrompa e continui a generare senso, coesione invece che fratture.

Lia Levi, “Il giorno della Memoria raccontato ai miei nipoti”, Edizioni Piemme. Consigliato dalle medie in poi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...